Nell’incontro di oggi i ragazzi hanno fatto poche domande, ma in compenso hanno condiviso con coraggio le proprie esperienze.

Hanno raccontato quanto di Antonella hanno sentito proprio, quanto si sono ritrovati nella sua storia e cosa li ha aiutati a uscirne fuori ed andare avanti; hanno raccontato della loro solitudine e di quanto lo sguardo attento di un amico o di un genitore possa aiutare. Hanno raccontato di quanto sia importante la loro vita.

La storia di Anto dovrebbe diventare un monito per chi ha paura di parlare e per chi ha paura di ascoltare. Oggi non c’è stata paura.

Grazie ragazzi.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.